Ferragosto: origini e tradizioni

Ogni anno è consuetudine festeggiare il 15 agosto, meglio noto come Ferragosto, ma perché e cosa si celebra?

Le origini della ricorrenza del Ferragosto sono molto antiche, derivano infatti dalle Consulalia , feste romane in onore del dio Conso , divinità del raccolto dei granai. Durante queste feste ci si scambiava regali, recitando la frase “Bonas ferias consulales”  che divenne “Bonas feria augustales”, quando il nostro mese di Agosto fu dedicato all’imperatore Augusto, insomma un augurio molto simile al nostro “Buon ferragosto”!

Cesare Augusto decise poi, nel 18 d. C. , di istituire ufficialmente la festa di Ferragosto , le feriae Augustii (feste di Augusto), per celebrare i raccolti e la fine dei lavori nei campi. Questa festa permetteva ai lavoratori di riposarsi circa un mese, dopo un lungo anno di fatiche .

Nel corso dei festeggiamenti, in tutto l’impero romano, si assisteva a corse di cavalli, di asini e di muli, agghindati con fiori dai colori sgargianti . Questa antica tradizione continua ad esistere, per esempio nel Palio dell’Assunta, che si svolge a Siena il 16 agosto!

Dalla diffusione del Cristianesimo, in tutta Europa, la festa diventa nota con il nome di Assunzione di Maria (ossia il momento in cui la Vergine raggiunge il Paradiso).  Un tempo, in onore della Vergine, si organizzavano spettacolari processioni notturne con fiaccole e luci. Oggi, tipico spettacolo del 15 di agosto, sono soprattutto i fuochi d’artificio.

Il Ferragosto non fu sempre festeggiato il giorno 15, originariamente la festa cadeva il 1° agosto, solo per abbinarla al giorno in cui si commemora l’Assunzione di Maria la Chiesa Cattolica ottenne il suo spostamento.

In Calabria, e in genere nelle regioni dell’Italia del Sud, la Madonna dell’Assunta è festeggiata in moltissimi comuni e presso i Santuari Mariani.

Importante è quello di Dipodi a Feroleto Antico (Catanzaro), chiamato anticamente Santa Maria de Puris, da secoli luogo di meditazione e di preghiera.

Ancora oggi intorno al 15 agosto si recano folle di fedeli per partecipare alle liturgie dedicate alla Madonna e si svolge la tradizionale fiera.

Al Molo Caligoliano di Pozzuoli, il giorno di Ferragosto si fa la gara detta ‘O Pennone’ che consiste nel salire su un palo cosparso di sapone per recuperare una bandierina posta in cima.

Come detto, Ferragosto è sinonimo di scampagnata e quindi, cibo.

Secondo la tradizione italiana, il piatto per eccellenza è il piccione arrostito. Pare che questa usanza sia nata in Toscana, in epoca carolingia.

A Roma, piatto forte è il pollo in umido con i peperoni. Non è raro che sia preceduto dalle fettuccine ai fegatelli. Il pasto viene chiuso con una bella fetta di cocomero freddo.

Insomma le curiosità e le tradizioni legate a questa data sono davvero tantissime, cambiano per luogo e addirittura per famiglia… Quindi qualsiasi sia la vostra usanza non ci resta che augurarvi un sereno Ferragosto!

Un pensiero riguardo “Ferragosto: origini e tradizioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...